CIMG1672Maigaro, 18 ottobre 2014

Carissimi amici,  vi scrivo nella veglia della Giornata Missionaria Mondiale………insieme mandati a testimoniare e a vivere  il grande dono della fede e dell’Amore  di Dio per ognuno di noi. Il messaggio del Papa Francesco in questo giorno ancora una volta ci invita a questa testimonianza della Gioia: “Non lasciamoci rubare la gioia dell’evangelizzazione! Vi invito ad immergervi nella gioia del Vangelo, ad alimentare un amore in grado di illuminare la vostra vocazione e missione..a fare memoria, come in un pellegrinaggio interiore, del primo amore con cui il Signore Gesù Cristo ha riscaldato il cuore di ciascuno…per perseverare nella gioia! Il discepolo del Signore persevera nella gioia quando sta con Lui, quando fa la Sua volontà, quando condivide la fede, la speranza e la carità evangelica!” iviamo oggi immersi nella tristezza di un mondo abitato dalla guerra, dalla divisione, dall’odio, dalla violenza……la nostra gente e tanti del popolo di Dio vivono nell’insicurezza, nella sofferenza, nel disagio, nella persecuzione…………  si spendono parole di pace, missioni di pace…..armi per la pace…..   Ma è difficile vedere una via d’uscita a tanta violenza, dove sembra che tutti i demoni dell’inferno abbiano invaso il mondo …….. Ogni giorno mi chiedo che cosa  Dio  vuole da me  qui a Maigaro, in RCA  dove l’odio e la divisione, la corruzione e il disinteresse politico sembrano avere il sopravvento? Papa Francesco ci invia alle “periferie del mondo”……….lo ripetiamo spesso……. e mi ritrovo allora davanti alla casetta di Ramatou e del fratellino Bello, divorata dalle termiti e loro costretti a dormire nella piccola paillote della cucina dove c’è una porta di lamiera e non ci sono scuri alla finestra: il vento della stagione delle piogge e il freddo non permette loro di dormire e forse l’indomani si chiedono che cosa mangeranno…la loro mamma è assolutamente incapace di provvedere ai loro bisogni…… CIMG1584Insieme a Anicet, Gervais e Olivier : adesso abitano una casetta rivestita di cemento, un tetto che li ripara dalle intemperie, ma soli con la mamma inferma che  riesce in qualche modo a preparare loro da mangiare …..oggi mi hanno chiesto un tavolino dove poter studiare e fare i compiti….. Incontro all’ospedale Abel Hamada, 5  o 6 anni: è stato accompagnato qui da noi dall’Abbé Matthieu solo due giorni prima di essere preso in ostaggio da una banda di delinquenti…lui ha il volto sfigurato da un tumore che ha invaso già polmoni e intestino….. i suoi occhi mostrano la serenità dell’innocenza..non sa che non abbiamo grandi mezzi per guarirlo, è circondato dal nostro affetto, dalle piccole cure che possiamo dispensare, dall’affetto dei suoi genitori che hanno lasciato con i nonni i fratelli per occuparsi solo di lui……. Kabirou Zabo, forse sei anni, neppure la sua mamma conosce la sua età, lo aveva abbandonato con la nonna per sposare un altro marito …..lo ritrova dopo anni seriamente malato, malnutrito, con una ascite che sembra quella di un vecchio ubricone e fumatore…….ma almeno la malattia gli ha riportato vicino la mamma……. Abbiamo accolto nella nostra Casa Odette il piccolo Adamou, forse quattro anni: la sua mamma  si è lasciata morire di stenti, di fame e di tubercolosi che non ha voluto curare…il papà che ha ancora due bimbi ce l’ha affidato tra le lacrime……. lui è felice con i nostri bimbi. Poi distribuiamo riso, olio, sapone…….. e quanto è nelle nostre possibilità per aiutare chi ha fame e non trova altro disponibile, visto che spesso le strade del commercio sono chiuse perchè abitate da diavoli che uccidono, bruciano le moto e vetture……e sequestrano la gente…… Rimaniamo disponibili ad accogliere chiunque in questi momenti abbia paura e bisogno di un rifugio che gli permetta di dormire la notte. Gesti che la preghiera riempie della speranza del perdono, della riconciliazione e della pace! In tutto questo sentiamo forte la vostra amicizia, il vostro sostegno e la vostra preghiera, insieme siamo inviati, insieme continuiamo a vivere la gioia della testimonianza della carità!

A voi siamo vicini in questo momento di difficoltà a causa delle piogge e delle alluvioni…………….. Grazie e a presto,

Sr Giulia  e la comunità di Maigaro

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi